Toscana romantica: il Giardino delle Rose di Firenze

giardino_rose3

Il Giardino delle Rose a Firenze è uno dei luoghi più incantevoli da cui ammirare la città. Una terrazza meravigliosa che accoglie ben 350 specie di rose, aperta al pubblico tutto l’anno, dal mattino al tramonto.

Una delibera del Comune, annovera questo sito storico tra le location possibili per la celebrazione di matrimoni con rito civile.

Il Giardino delle Rose, sorge nel 1865, ad opera dell’architetto Giudeppe Poggi, su richiesta del Comune di Firenze, in occasione della nomina della città a capitale d’Italia.

Il giardino si estende su circa un ettaro di terreno terrazzato, situato sotto il Piazzale Michelangelo, tra viale Poggi e Via dei Bastioni. Un panorama unico si dipana dinanzi agli occhi degli avventori, che in un solo sguardo avranno l’occasione di ammirare l’intera città.
Il Giardino fu realizzato secondo gli esempi francesi e veniva aperto al pubblico durante la Festa delle Arti e dei Fiori che la Società di Belle Arti e la Società Italiana di Orticoltura tenevano ogni mese di maggio.

Sono più di 1000 le varietà botaniche che si contano e circa 350 le diverse specie di rose, tra cui antichissime specie risalenti al 1500. Anche l’impianto d’irrigazione è molto interessante, con la cisterna posta in alto nel bosco dietro la loggia del Piazzale Michelangelo e una conduttura che porta l’acqua fino alle numerose prese del giardino.

Alla fine degli anni ’90 Yasuo Kitayama, architetto giapponese, realizzò un giardino in stile nipponico, che prende il nome di Shorai e che fu donato alla città in nome del gemellaggio con Kyoto.

Chi dovesse recarsi a Firenze per una vacanza o un breve soggiorno, non può mancare di visitare questo splendido giardino, che può essere considerato di certo, uno dei luoghi più romantici e poetici della città. Di certo, infatti, non saranno poche le coppie di sposi che sceglieranno il Giardino delle Rose quale location per la celebrazione del “Sì” più importante della vita.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Powered by WordPress