Santa Teresa di Gallura: un paradiso in Sardegna

santa-teresa-di-gallura

Anticamente conosciuta col nome di Longosardo – la Torre di Longosardo costruita nel XV secolo è il simbolo della città -, Santa Teresa di Gallura era uno dei porti romani più importanti per l’Impero dal momento che da qui partivano le imbarcazioni che trasportavano il granito estratto nelle cave vicine. Ora invece questa splendida località adagiata sull’estrema punta settentrionale della Sardegna, è tra le mete turistiche più ambite dell’Isola.

I motivi sono molto semplici: mare e natura. Santa Teresa infatti presenta una meravigliosa costa che alterna piccole spiagge a tratti più rocciosi: la spiaggia più grande, e più frequentata, è Rena Majore. Inserita tra i promontori di Capo Testa e Monte Russo, è anche amata dai surfisti che in alcuni periodi dell’anno sfruttano i venti che spirano su di essa per cavalcare le onde. Un’altra affascinante spiaggia è Rena Bianca che, come dice il nome stesso, presenta un fondo sabbioso di colore chiarissimo: è tra le più affollate dal momento che è la più facile da raggiungere dal centro della cittadina. Da non perdere sono almeno altre due spiagge: la rocciosa e suggestiva Capo Testa e l’incantevole caletta Baia Santa Separata.

Ma durante una vacanza a Santa Teresa non si può non trascorrere una giornata visitando una delle isole dell’arcipelago de La Maddalena, dove il mare, se è possibile, è ancora più limpido. Infine, dopo una giornata al mare, le serate di possono trascorrere mangiando degli ottimi piatti di pesce negli eleganti ristoranti della cittadina che offre anche una vita notturna abbastanza movimentata, soprattutto in alta stagione: anche di sera quindi il divertimento è assicurato. Raggiungere Santa Teresa di Gallura è piuttosto facile: basta approfittare delle offerte Sardegna nave gratis, e sbarcare nel vicino porto di Palau, che dista meno di mezzora di auto dalla località.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Powered by WordPress