La Milano storica e turistica

Duomo di Milano

Milano, fondata nel IV secolo a.C. dai Galli, passa sotto i romani nel II secolo a.C. e assume sempre più importanza fino a diventare nel 292 d.C. capitale dell’Impero d’Occidente. Dopo la crisi dell’impero e le devastazioni dei Goti bisogna aspettare l’era carolingia per vederla risorgere. Milano assunse la guida dei Comuni Lombardi contro Federico Barbarossa e dopo l’affermazione della Lega Lombarda, nel 1176, inizia il periodo comunale. La città cresce in prosperità e nel 1447 viene proclamata la Repubblica Ambrosiana. Continuano però le invasioni, prima da parte dei francesi e poi degli spagnoli. Nonostante la peste del del 1576, la città progredisce, ma il declino si fa sentire con la peste del 1660, detta “del Manzoni”. Ricomincia la dominazione degli austriaci e poi ancora dei francesi. In ogni caso, Milano è una capitale, nella quale si danno convegno uomini di cultura. Intorno al 1850 si avvia il processo di industrializzazione che porta la Lombardia a godere di una floridezza non riscontrabile in nessun altra parte d’Italia. In città nacquero nuovi movimenti e correnti letterarie come la scapigliatura e il Futurismo. Oggi, la città conta tre università prestigiose ed è il centro finanziario e commerciale più importante dell’Italia. Prima di cominciare la visita troviamo un hotel a Milano adatto alle nostre tasche. La città offre sistemazioni adatte ad ogni esigenza, dagli ostelli, ad i bed and breckfast agli hotel economici, spesso rintracciabili anche nelle zone centrale della città.
La visita al Barocco milanese può iniziare dal Palazzo Durini, ora Caprono di Taliedo, progettato dall’architetto Francesco Maria Richino nel 1648 e seguire con il Palazzo Litta; Il Palazzo Cusani, La Chiesa di Sant’Alessandro ove sono custoditi pregevoli dipinti, l’Università Statale, voluta da Francesco Sforza, duca di Milano, La Chiesa dell’Annunciata, la Chiesa di San Giuseppe. Tra le opere contenute in quest’ultima, vi sono Lo Sposalizio di Maria del Ceranino (1630) e il Transito di San Giuseppe, del Procaccini (1625). Infine è da visitare la Chiesa di Santa Maria alla Porta, in cui è possibile ammirare dipinti del seicento di Camillo ed Ercole Procaccini.La chiesa di S. Lorenzo Maggiore, la più importante testimonianza della Milano romana e paleocristiana (IV -V secolo), a pianta centrale con quattro torri angolari; l’interno è un grandioso vano circolare con esedre, sul quale si apre la cappella di S. Aquilino del IV secolo, ottagono, con mosaici coevi; molto bello è il mosaico “Cristo fra gli apostoli” del V secolo. Poi, vi è la chiesa di S. Simpliciano, basilica fondata nel IV secolo, rifatta nel XII e rimaneggiata. Infine, la chiesa di S. Nazaro Maggiore, risalente a S. Ambrogio (386), a struttura cruciforme, ricostruita nell’XI secolo, modificata e restaurata.Il rinascimento milanese è rappresentato dalla Pinacoteca di Brera. In essa sono custodite le opere di Raffaello ( Lo sposalizio della vergine), Luini (Il Sonno di Psiche), Bramante (Cristo alla Colona), Bramantino (La Crocifissione), Maestro Lombardo (Pala Sforzesca). Una visita meritano Santa Maria presso San Satiro e Santa Maria delle Grazie (Tribuzio, Tribuna, L’ultima Cena di Leonardo).
Altri apprfondimenti li rimandiamo ai numerosi blog viaggi dedicati a Milano.

You can leave a response, or trackback from your own site.

One Response to “La Milano storica e turistica”

  1. desiderio marco scrive:

    Devo ricredermi sul serio. Sono di Firenze e pensavo che milano fosse la brutta città tutta soldi. in realtà ha tante di quelle particolarità storiche e ben tenute da sorprendermi. Una su tutte la chiesa dove si trova il cenacolo del mio leonardo!!

Leave a Reply

Powered by WordPress