La Budapest da non perdere

Budapest

La città ha una popolazione di quasi 2.000.000 di abitanti ed è divisa in 23 quartieri. Ha un clima gradevole con una temperatura media di 10,8°C. ed è il centro della vita amministrativa, politica e culturale della nazione. E’ una città sorprendente, che ha in sé una forza particolare d’attrazione, data probabilmente dall’armonioso intreccio dell’antico con il moderno, delle aree collinari con la pianura. Le sensazioni che si colgono visitandola, non sono facilmente descrivibili. Vanno provate personalmente.

Tra i monumenti della città, già abitata 50.000 anni fa, si trovano anfiteatri romani, bagni turchi antichi di quattrocento anni, edifici in stile liberty, 237 monumenti nazionali, 223 musei e gallerie d’arte, 40 teatri, 7 sale da concerti, oltre 200 locali di divertimento ed ottanta sorgenti d’acqua che alimentano bagni termali.

Oltre duemila anni fa, in questo territorio vivevano i Celti e gli Illiri. I Romani, nel 1° secolo a.C, battezzarono la città “Aquincum”. Nel 13° secolo furono costruite per difesa la cinta muraria e la fortezza. Così con Buda si denominò la fortezza e con Obuda l’antica città. Per tutto il Medioevo, Buda, sontuosa e ricca, convisse con Pest, la città dei mercanti e dei commerci. Ma l’occupazione turca portò un periodo di decadenza. Da cui la città si risollevò durante il periodo dell’Impero austro-ungarico. Nel xx° secolo Budapest fu bombardata, incendiata e quasi totalmente distrutta.

Budapest è tagliata in due dal Danubio.
Sulla sponda destra si trova Buda, in cui risiedono i nuclei storici e la maggior parte dei segni del passato. Passeggiando tra le case barocche e medioevali si possono ammirare il campanile di Santa Maddalena ed il Bastione dei Pescatori e lo spettacolare panorama dei palazzi di Pest e del Danubio con i suoi ponti. Ci si incammina quindi tra le viuzze tortuose di Obuda (la vecchia Buda), per poi soffermarsi ad Aquincum, tra i resti dell’insediamento romano.
Sulla riva sinistra è situata Pest, il cuore pulsante della vita quotidiana. E’ il centro della città con un’atmosfera che ci riporta al primo Novecento. Soprattutto in Via Vàci (nella zona pedonale di Budapest) e in Piazza Vorosmarty, dove si trovano i due caffè più rinomati e frequentati della città: il Gerbeaud e l’Art Cafè. In Via Dohàny si trova la Sinagoga più grande d’Europa dove è allestito il Museo Ebraico. Sul versante settentrionale sorge il Parlamento, il più grandioso edificio del Paese, sede dell’assemblea legislativa. Una visita è anche dovuta alla Piazza degli Eroi, la monumentale piazza della capitale dove si trovano il Salone d’arte, il Museo delle Belle Arti ed il Monumento al Millennio. Le statue del monumento rappresentano personaggi importanti della storia ungherese. Il Museo delle Belle Arti conserva le opere d’arte straniere più preziose in Ungheria. Tra l’altro, la pinacoteca ospita quadri di Raffaello, Giorgine, Tiziano, Tintoretto, Correggio e Veronesi; ed ancora, Rembrandt, Monet, Renoir, Gauguin, Cranach e Brueghel; ed infine, El Greco, Goya, Ribera, Murillo e Velàzquez.
Uno dei punti più belli della città è certamente il Quartiere della Fortezza, che si trova sull’incantevole collina della fortezza, ad oltre 50 metri sopra il livello del Danubio, circondato da bastioni e mura di protezione, il cui fascino rimane intatto tra abitazioni civili ed il Palazzo Reale, costruito nel ‘200.

Per Budapest sono dispobili collegamenti aerei da tutti i principali aeroporti italiani. Fra le compagnie sono disponibili i voli Alitalia (per le tariffe).

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Powered by WordPress