In autunno al caldo di Sharm el Sheikh

sharm-el-sheikh

Non c’è niente di meglio, in questo principio di autunno che trascorrere una breve vacanza fra il caldo dell’Egitto. Sharm El Sheikh (letteralmente: Baia dello Sceicco) è senza dubbio la località del Mar Rosso più conosciuta e più frequentata dal turismo internazionale, anche se negli ultimi tempi anche altre località hanno preso piede, in particolare Hurghada e Nuweiba.

Situato nella punta meridionale della penisola del Sinai, il villaggio di Sharm El Sheikh sorse su una collina ma poi, di fatto, si estense lungo il litorale della baia di Naama, dove si è sviluppata la fittissima rete alberghiera che contraddistingue la zona. Nonostante l’affermazione del turismo i fondali hanno mantenuto la loro straordinaria bellezza fatta soprattutto di spettacolari barriere coralline e di coloratissimi branchi di pesci presenti perfino a pochi metri dalla riva; percorrendo poche centinaia di metri alla sinistra della baia di Naama si raggiungono una serie di insenature dove la barriera corallina è praticamente attaccata alla riva: vi basteranno una maschera per ammirare pesci e coralli dai mille colori e un paio di pinne per nuotare al meglio in queste bellissime acque; le pinne saranno utili anche per proteggere i piedi dai coralli, alcuni dei quali si rivelano particolarmente pericolosi a contatto con la pelle umana.

Soggiornare in questo periodo a Sharm può essere conveniente o meno. Dipende da come ci muoviamo per cercare l’occasione migliore. Ultimamente ho scoperto il sito di Groupon, compagnia leader per acquisti locali e offerte per viaggi. Attualmente su Sharm ho trovato su Groupon un offerta coppia due persone per una settimana in un villaggio Valtur.

Proseguendo nel nostro viaggio, consiglio sempre di non fermarsi mai a stendersi tutto il tempo sotto il sole. Infatti a circa 20 Km da Sharm El Sheikh si trova la bellissima penisola di Ras Mohammed, da visitare assolutamente. Una zona di incomparabile bellezza, famosa in tutto il mondo per la varietà della flora e della fauna marina presenti. Ras Mohammed è stata dichiarata area protetta nel 1983 e nel 1989 è stata proclamata parco nazionale.
Una serie di norme regolano l’accesso a questo “paradiso marino”: la pesca e la raccolta di qualunque tipo di materiale sono assolutamente vietate, così come il passaggio dei veicoli a motore e l’attracco di natanti al di fuori di pochi itinerari consentiti.

Si resta veramente a bocca aperta di fronte alle meraviglie offerte da questa zona: lo spettacolo cui assisterete è fatto di una bellissima barriera corallina, da mille e più specie di pesci di ogni forma e colore, molti dei quali vivono unicamente in questa zona del Mar Rosso e da una fitta rete di mangrovie, alberi acquatici che prediligono le zone di acqua salmastra; queste piante richiamano la presenza di uccelli stanziali e migratori. In Agosto fanno comparsa nella penisola di Ras Mohammed decine di migliaia di cicogne: se ci sarete avrete la possibilità di vivere, oltre alle emozioni offerte dal mare, anche quelle offerte dal cielo.

Il Parco è aperto dall’alba al tramonto; è previsto un biglietto d’ingresso e il pagamento di un ulteriore importo per le automobili. Per recarsi a Ras Mohammed occorre portare con sé il passaporto, che vi sarà richiesto al check-point egiziano all’uscita di Sharm El Sheikh.
Un’escursione frequentemente proposta da tutti i tour-operator presenti in Mar Rosso è quella al Monastero di Santa Caterina, una costruzione edificata durante il periodo dell’Imperatore Giustiniano (6° secolo) nel cuore della penisola del Sinai, a 1570 metri sul Gebel Musa: qui, secondo la tradizione, il Profeta Mosè ricevette le tavole della legge. Un’imponente cinta muraria racchiude il monastero, del quale sono una piccola parte è aperta al pubblico. Più precisamente, si possono visitare: la basilica a tre navate, in stile bizantino, che ospita il famoso “Mosaico della Trasfigurazione”; il “Pozzo di Mosè”, la sorgente dove Mosè avrebbe avuto il primo incontro con la sua futura moglie; il giardino e l’ossario.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Powered by WordPress