Fra la Reggia di Caserta e Pompei

Reggia di Caserta

Pur essendo una splendida città, a Caserta si va quasi esclusivamente per ammirare la Reggia. Un’opera straordinaria con cui il re di Napoli Carlo III di Borbone, futuro re di Spagna, volle emulare i fasti della corte francese. La costruzione fu iniziata nel 1752 su progetto di Luigi Vanvitelli e i lavori si conclusero nel 1774. La reggia è composta di milleduecento stanze disposte su cinque piani e da un immenso giardino irrigato da un acquedotto appositamente costruito: per la visita di tutto il complesso è stato predisposto un servizio di autobus.

A Caserta non c’è però solo la reggia. La città vecchia è un borgo medioevale arroccato su un colle, è ben conservata e merita senz’altro una visita. Per raggiungere Caserta base fondamentale è l’aeroporto di Capodichino a Napoli, con numerose possibilità di scelta anche con voli a basso costo. Tra le compagnie che volano verso Napoli interessanti sono le offerte Airone (sito)

Da Caserta non ci vuole molto per raggiungere Pompei ed Ercolano, le due città romane distrutte, nel 79 d.C., dall’eruzione del Vesuvio. I due abitati, sepolti allora da un diluvio di lava e lapilli, sono rimasti imprigionati in un mortale involucro dal quale la moderna archeologia li ha recuperati restituendoci intatte testimonianze della civiltà di un tempo. Anche lo stesso Vesuvio, l’unico vulcano ancora attivo dell’Europa continentale, può essere oggetto di interesse e curiosità: oltre tutto da qualche anno le sue pendici sono diventate parco nazionale.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Powered by WordPress