Egitto Classico

egitto

Un’aria spessa, densa di odori e spezie che si mescolano fra loro. La folla che si accalca dovunque, le file di passeggeri al controllo passaporti e all’uscita, dietro le transenne tanti occhi sgranati che ti guardano.
Ecco le prime impressioni di chi arriva all’aeroporto del Cairo in una qualsiasi delle sere piene di suggestione di cui questa terra è così prodiga.

Ma al mattino dopo, ecco già il primo incontro con un abbagliante passato le cui tracce ci stupiscono e ci commuovono, a dispetto di tutte le tecnologie della nostra era. Per fortuna l’Egitto è facilmente raggiungibile con offerte voli abbastanza frequenti. Gli scali di partenza dal nostro paese sono principalmente Roma, Milano e Venezia. Le compagnie che operano la rotta sono Alitalia ed Egypt Air.

Nonostante sia una città proiettata verso la modernizzazione con i suoi diciassette milioni di abitanti che ogni giorno danno impulso ad una delle capitali più grandi del mondo, il Cairo, Repubblica araba d’Egitto, è una città ricca di fascino orientale, che riesce a trasmettere al viaggiatore forti emozioni e sapori che sanno di antico.

Il piano di Giza, e subito, ancora prima di arrivare sul posto il profilo delle celebri e inconfondibili piramidi, immensi solidi dalla simmetria perfetta, eternamente uguali a se stesse, e solo quando si è sotto la struttura, ci si rende conto delle dimensioni dei blocchi che le compongono e dell’incredibile precisione con la quale sono state costruite.

L’affascinante enigmatica mole della sfinge i cui occhi guardano un passato immenso e si perdono in una visione di grandezza senza spazio e senza tempo. Settecento chilometri più a sud lo stupore continuerà proseguendo il viaggio nella cosiddetta PARTE ALTA del Nilo, incontrando l’antica Tebe, oggi chiamata Luxor, il cuore della civiltà Faraonica.

Durante questo viaggio si scoprirà un elenco interminabile di bellezze come i colossi di Memnon, la Valle dei Re. Templi in onore delle divinità come il Tempio di Luxor, il Tempio di Karnak costruito per venerare il dio Amon, il Tempio di Edfu dedicato al dio Horus, il Tempio di Kom-Ombo edificato per il dio coccodrillo Sobek fino ad arrivare all’imponente opera moderna della diga di Aswan. Ma il culmine della meraviglia sarà ammirare la magnificenza del Tempio di Abu Simbel, costruito per volontà del grande Ramses II, nel tentativo di rendersi immortale.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Powered by WordPress