Con Ryanair voli low cost per gli Stati Uniti?

immagine-stati-uniti

Già da un po’ di tempo circola una notizia che sta mettendo in subbuglio gli addetti ai lavori del settore aereo: Ryanair, una delle compagnie leader del mercato del trasporto passeggeri low cost, sarebbe intenzionata ad introdurre voli economici anche verso gli Stati Uniti. Sì perché fino ad oggi il vettore irlandese opera collegamenti esclusivamente in Europa ma, come ha rivelato in un’intervista il responsabile marketing John Alborante, il numero 1 di Ryanair, il vulcanico Michael O’Leary, sta pensando ad una strategia intercontinentale che punti a catturare i passeggeri a lungo raggio.

Un’idea tutt’altro che folle come si affrettano ad aggiungere dal marketing Ryanair: basti pensare che prima della compagnia low cost irlandese erano in pochi a pensare che si poteva viaggiare dal nord Europa e dal Regno Unito verso Spagna e Italia con pochissimi euro. Quindi perché non potrebbe essere vero “il sogno americano”?

A dire il vero, negli ultimi anni la situazione è un po’ cambiata ma è pur vero che Ryanair ha tracciato la rotta a numerose altre compagnie che ne hanno preso l’esempio. Ed essa è ancora oggi una delle prime scelte per chi vuol viaggiare economico in Europa. Una prova? Prenota i tuoi voli Ryanair su volagratis e vedrai!

Incalzato sul progetto voli low cost verso gli Usa, Alborante ha aggiunto che in Italia il punto di riferimento aeroportuale sarebbe lo scalo di Bergamo Orio al Serio: si tratta infatti del primo aeroporto low cost del nostro Paese – e buona parte del merito di questo risultato è firmato proprio Ryanair. Lo scalo non lontano da Milano è stato infatti il primo a lanciare numerose rotte europee, oltre alla sfida alle altre compagnie aeree ed ai treni AV sulla tratta Roma-Milano, una battaglia che in realtà sembra oramai persa; tuttavia per molti mesi la Ryanair è stato il punto di riferimento per viaggiare dalla capitale politica a quella economica del nostro Paese.

Il progetto dei voli intercontinentali con base sul Caravaggio, se dovessero andare in porto, sarebbe implementata entro i primissimi mesi del 2015. Il motivo è infatti molto semplice e risponde al nome di Expò 2015. Milano e la Lombardia in generale avranno gli occhi del mondo puntati addosso grazie all’Esposizione Universale e si prevedono saranno almeno 10 milioni i turisti e visitatori che sbarcheranno in città il prossimo anno. Un’occasione che O’Leary e soci non vogliono farsi sfuggire. Infine tra le novità già messe in campo da Ryanair si segnala la nuova app per tablet e smartphone, una delle più scaricate nelle ultime settimane.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Powered by WordPress