Alla scoperta di Cagliari

Cagliari

Cagliari è una di quelle città che ammaliano sin dal primo sguardo.
E’ proprio per questo motivo che, anche chi c’è già stato, non perde l’occasione per approfittare di un volo last minute e raggiungerla quanto prima.

La compagnia aerea che offre tariffe più vantaggiose per Catania è la Meridiana Fly che con un biglietto aereo di quasi 70 euro permette di viaggiare partendo da qualsiasi aeroporto d’Italia.
Una volta giunti a Cagliari, ci si ritrova inghiottiti dal suo bellissimo centro storico con i quartieri più antichi: Castello, Stampace, Marina e Villanova.

Castello è un insediamento fortificato che fu eretto nel XIII secolo dai Pisani e poi scelto anche dagli Aragonesi, dagli Spagnoli e dai Piemontesi come luogo per disbrigare gli affari.
Da questo quartiere, che è quello situato più in alto, si possono ammirare i caratteristici fenicotteri rosa nell’area umida di Molentargius, il porto e il parco di Monte Urpino.
E’ a Castello che si trovano il Museo Archeologico nazionale, il Museo siamese e la collezione delle cere, attrattive turistiche che non mancano di stupire.

Gli edifici religiosi di Cagliari sono per lo più localizzati nella Marina, che ospita, tra le altre cose, anche la Chiesa di Sant’Eulalia della seconda metà del 1300, realizzata in stile gotico-catalano e costruita in onore della patrona di Barcellona.
Nel tratto in cui il quartiere di Castello di incontra con quello di Stampace, il panorama che si dispiega pian piano davanti agli occhi è spettacolare. L’Orto botanico, i resti della civiltà romana del II secolo e gli edifici religiosi fanno da corollario ad un visita di bellezza impareggiabile.
Villanova è un centro calmo e rilassante, dove passeggiare serenamente tra i Giardini pubblici e la chiesa di san Pancrazio.

Muovendosi alla scoperta di questi luoghi, a cui si aggiungono il Castello di San Michele, che domina tutta la città, e la Basilica di San Saturnino, uno degli edifici paleocristiani più importanti di tutta la Sardegna, si può davvero perdere la cognizione del tempo.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Powered by WordPress